The best never rest.

ciao eh, son qui di nuovo.

Domenica prima dell’inizio di una nuova, interminabile, stagione d’arte (del non soccombere). Condizione sentimentale peggiore, ossia ioquiluilà, senza la palladipelo bianca che ci riempie il silenzio di chiacchierine a quattro zampe.

Niente in frigo, una zuppa del pleistocene in freezer. cacchio, la domenica senza pizza è amara, ma quella con zuppa forse pure peggio.

C’è già buio fuori, il nido mi ha accolto con una bolletta da pagare e un rubinetto da aggiustare.

Ma. Ma.

Ho un pc finalmente che funziona, grazie a un amico che spero riesca a breve a far funzionare la sua vita come vorrebbe, e a far rifunzionare il cuore.

Ho due kg in meno – DUECHILIINMENO – di quando vi ho salutato per le vacanze, e sono decisa a non farli tornare. sarà un inferno. ma ce la devo fare, nei pantaloni respiro di nuovo con felicità.

Ho tanti libri da leggere, un fantacalcio da vincere, tre puntate di uno dei miei telefilm preferiti, un paio di stivali bellerrimi per l’inverno milanese (in uno non entro. da mettere in nota: necessario dimagrimento collo piede destro).

Ora vi saluto, piccoli lettori. Due post da leggere dovrebbero tenervi compagnia e rendervi meno amaro l’amaro caffè del lunedì.

Mi siete mancati. On air, questo:

Advertisements
Tagged , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: