7 + 1, 6 – 3.

Oggi è il 7 +1 del mio compleanno, e mi ritrovo coperta di una Sua felpa, di innumerevoli strati, di un pigiama con le ghiande, a dividere la casa con una madre, tre cani strambi e una gatta matta.

Lontano dal mio mondo, dai punti cardinali che mi danno sicurezza. Da Londra, dove dovevo essere a lavorare nel periodo più importante dell’anno, e a far ubriacare di risate la mia Amica, ma soprattutto da Milano, dove ho il caricabatterie del cuore.

Oggi è anche il + 6 – 3 (circa) dal giorno che sarà il Giorno, ma spero non l’unico Giorno. Di certo non il Primo Giorno, perché di quelli ne abbiamo avuto tanti. Di sicuro Un Gran Giorno, di quelli che puoi raccontare senza stancarti mai, né stancare chi ti ama.

E allora, per rimanere in tema di conti, di certo posso dirti che, conti del Fantacalcio a parte, tra di noi non ci sarà mai un vincitore. Perché in ogni momento in cui ti passo lontano, sento che la vera vittoria è stata incontrarci, e aver avuto l’intelligenza di capire (Tu, prima) che non valeva la pena tirar dritto, ma fermarsi, come dice Silvestri, e pensare aspettiamola insieme l’estate.

E vederti sbucare da quella porta, in questi giorni di silenzi, freddi taglienti e lacrime nascoste, è un regalo che non si può spiegare, se non tirando in ballo le fate, i fantasmi, e quelle storie d’amore che non conoscono tempo, né numero.

All the girls asks “what’s he like?”
I says, he’s kind of shy
But that’s the kind of girl I am,
He’s my kind of guy

 

Advertisements
Tagged , , , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: