Tag Archives: futuro

All the single ladies.

Oh.

Oooooh.

Dopo anni di emancipazione, dopo che mio marito mi ripete che io sarò il marito della coppia, dopo tutti i luoghi e tutti i laghi (che poi: ci dimenticheremo di Dante, ma verosimilmente ci ricorderemo sempre di Scanu), ritorno a voi amabili e amati lettori con una parentesi di puro femminilismo.

Ho ricevuto un anello con una pietra grande così grande che se fosse un neo lo togliereste , se fosse un brufolo lo odiereste.

Ma è un anello, il Mio anello, e io lo amo.

Io sono il suo Padron Frodo, lui la mia pietra filosofale. Mi illumina la mano come i fari illuminano Paola Ferrari.

Ah, e poi.

Non è che l’ho ricevuto e basta.

Facile così.

L’ho ricevuto in una locanda, su una collina, in una torretta, soli io e Lui (e Miele, perché in ogni scena epica della vita non manca mai un gatto, ci ho pure fatto una tesi una volta).

Insomma, sindacato dei fidanzati: alzate le tabelle con gli standard 2015.

Lui ha fatto di più.

E io lo sposo.

E con tutta la femmeinità di questo posto, inforco la calzamaglia e ve la canto:

 

 

 

Ps. Non dite in giro dell’anello, vivo nel terrore di essere amputata. Spero che all’amputatore serva più un arto inferiore nel caso.

Nel frattempo, mi compro dei guantini color diamante così distraggo i curiosi con la mia proverbiale sobrietà.

Advertisements
Tagged , , , , ,

Lettera al futuro.

Buon quarto Natale, piccolo cuore.

Avrai i regali per scaldarti fuori e dentro, ma il biglietto te lo metto qui, nel posto in cui ogni tanto sbirci con quel musetto furbo.

Voglio che il 2014 ti porti grandi cose: un lavoro che ti rispetti, ti faccia sentire finalmente quanto sei brillante, ti strappi sorrisi orgogliosi.

Un anno di corse, non di quelle che sei costretto a fare perché sei in ritardo, bensì di quelle che decidi di fare, per non essere mai in ritardo sulle tue aspettative. Questo te lo regalo perché il sorriso che mi rivolgi ogni volta al traguardo mi fa sentire la donna migliore del mondo.

Ti regalo qualche kg in meno, non perché non piaci a me, ma per piacere di più a te. Perché, sulle calde spiagge di un’estate siciliana, come dici tu, ci si possa guardare fieri di ciò che abbiamo ottenuto.

Un futuro più sereno, accanto a una persona che ti deluda sempre meno, e ti indovini sempre più. Perché conoscersi non significhi mai, mai, darsi per scontati. Perché ogni giorno sia una vittoria per ciò che saremo, e una sconfitta di ciò che eravamo.

Un costante, immenso, flusso di amore, che non sia mai sottovalutato: anche quando le nubi offuscano la vista, o la nebbia ci attorciglia il cuore. Perché poi, ce lo dimostrano tutti gli aerei presi insieme, sopra le nuvole ogni giorno è un giorno di sole.

Non so quanto ci porterà il nuovo anno: so però quanto ci hanno portato questi. Ogni anno insieme è il migliore degli anni vissuti.

Ti amo, in questo come in ogni Natale. Ma soprattuto negli altri 364 giorni, senza la neve, i regali, le campanelline, i brindisi, il camino.

 

Tagged , , , ,